Fnsi-Aran, una clausola per congelare le azioni unilaterali
lunedì 21 maggio 2018

Fnsi e Aran, nell’ambito della contrattazione per gli Enti locali, hanno firmato una dichiarazione congiunta per rimandare 'ad un’apposita sequenza contrattuale' la disciplina dei rapporti di lavoro giornalistico instaurati nel corso degli anni in alcune Regioni con apposite leggi regionali.

In quella fase saranno anche affrontate le questioni relative all'autonomia professionale, agli orari di lavoro, oltre che gli aspetti di natura previdenziale e assistenziale.

In commissione di classificazione, il profilo professionale del giornalista nella Pubblica Amministrazione sarà ulteriormente approfondito per meglio specificare compiti e ruoli nel rispetto della legge 69/1963.

La dichiarazione congiunta congela eventuali azioni unilaterali in sede regionale volte a disconoscere in toto l'applicazione del Cnlg prevista dalle leggi regionali.

Di seguito riportiamo il testo delle dichiarazioni congiunte firmate dai rappresentanti della Fnsi e dell'Aran, scaricabile anche in Pdf.

Dichiarazione congiunta n.8

Con riferimento all'art. 19 (Istituzione di nuovi profili per le attività di comunicazione e informazione), le parti del presente contratto, con l'intervento della FNSI ai fini di quanto previsto dall'art. 9, comma 5, della legge 7 giugno 2000, n. 150, convengono
sull’opportunità di definire, in un'apposita sequenza contrattuale, una specifica regolazione di raccordo, anche ai sensi dell‘art. 2, comma 3 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, che provveda a disciplinare l'applicazione della citata disposizione contrattuale nei confronti del personale al quale, in forza di specifiche, vigenti norme di legge regionale in materia, sia stata applicata una diversa disciplina contrattuale nazionale, seppure in via transitoria. In tale sede, saranno affrontate le questioni relative alla flessibilità dell’orario di lavoro, all’autonomia professionale, alla previdenza complementare, all’adesione alle casse previdenziali e di assistenza
dei giornalisti. Le parti si danno inoltre reciprocamente atto che, in sede di commissione di cui all’art. 11, i profili di cui all’art. 19 saranno oggetto di ulteriore approfondimento finalizzato ad una eventuale revisione o specificazione del loro contenuto professionale.

Dichiarazione congiunta n. 9

Le parti prendono atto positivamente del pronunciamento della Corte dei Conti Sezione autonomie (Sezione delle autonomie. N. 6 /SEZAUT/2018/QMIG) che, in relazione alle dichiarazioni già espresse dalle parti nella dichiarazione congiunta n. 1 allegata alla Ipotesi di CCNL sottoscritta in data 21/2/2018, chiarisce che gli incentivi
per funzioni tecniche sono da considerarsi non soggetti ai limiti dell’art. 23, comma 2 del D. Lgs. n. 75/2017.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,875 sec.