Cairo sul giornale online per giovani: "Mentana lo farà con me"
venerdì 13 luglio 2018

«Mi sembra che sia una cosa che Mentana ha voluto fare perché è un tema che lui sente molto e lo sento molto anche io. Questo progetto può essere inserito in La7.it oppure avere vita propria, però il rapporto rimane solidissimo tant'è che Enrico mi ha detto ieri che ogni cosa che farà la farà con me da editore». Il presidente di La7 Urbano Cairo torna così sul post virale del direttore del suo Tg, Enrico Mentana, che su Facebook la scorsa settimana ha lanciato la proposta di un quotidiano digitale in cui far lavorare giovani.

«Noi tra l'Italia e la Spagna considerando Cairo Editore e La7 abbiamo qualcosa come 8.500 giornalisti quindi sentiamo di fare qualcosa di concreto per i giornalisti e per i giovani», dice Cairo che, intervenuto a margine della presentazione dei nuovi palinsesti, ha spiegato come quello sia un tema che Mentana «ha voluto sollevare forse per mandare un messaggio al governo perché faccia interventi».

Anche il direttore del Tg de La7 è tornato, di nuovo via Facebook, sull'iniziativa. «Tutti mi dicono: ma chi te lo fa fare, anche se poi all'esterno benedicono l'idea del giornale on line fatto con giornalisti giovani per essere letto e visto da giovani», scrive. «Lo ripeto: me lo fa fare la coscienza di aver avuto la fortuna di essere stato giovane quando ognuno dei miei coetanei poteva ragionevolmente sperare di realizzare il suo sogno professionale, essere messo alla prova, tentare di farcela».

E poco dopo ribadisce: «Smuoviamo le acque, se va bene costringeremo con il buon esempio altri a prendere la stessa strada. Se attorno a noi, nel mare della società, una generazione rischia di andare a fondo, non possiamo tenere i remi in barca, e neanche aiutarli a casa nostra, per poi scrivere la millesima inchiesta sui ragazzi che non fanno nulla».

Dopo aver deciso di intraprendere la nuova avventura editoriale, Mentana ha spiegato in questi giorni che impiegherà i prossimi mesi per mettere a punto il progetto e che, prima di avviare il reclutamento, chiederà all'Ordine dei giornalisti e alla Fnsi quali possano essere le griglie normative e contributive più corrette.

(Fonte: Fnsi)

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,613 sec.