SJG e FNSI, solidarietà a Heidy Kessler e alla Redazione tedesca Rai di Bolzano

SJG e FNSI, solidarietà a Heidy Kessler e alla Redazione tedesca Rai di Bolzano

La difesa dell’indipendenza delle testate e dell’autonomia professionale di ciascun giornalista sono per il sindacato principi irrinunciabili e non negoziabili. Va per questo respinto e condannato con forza il tentativo dell’editore Michl Ebner di strumentalizzare un comunicato di Fnsi e Sindacato giornalisti Trentino Alto Adige per interessi personali, arrivando a chiedere al presidente Rai Foa, all’amministratore delegato Salini, al direttore TGR Casarin e al presidente della commissione parlamentare di vigilanza Barachini di intervenire nei confronti di un presunto accanimento nei suoi confronti della caporedattrice Heidy Kessler e di parte della redazione di lingua tedesca di Bolzano.

Lo affermano in una nota Raffaele Lorusso e Rocco Cerone, segretario generale FNSI e regionale del SJG.

L’editore Michl Ebner deve sapere, ove non glielo avessero spiegato, che l’autonomia e l’indipendenza di un giornalista non può mai essere prevaricata: la responsabile della redazione tedesca della Rai di Bolzano non aveva alcun obbligo di pubblicare il comunicato sindacale perché, nella sua autonomia, è libera di dare spazio alle notizie che considera rilevanti.

Nel caso in questione, l’editore Michl Ebner finge di ignorare che la presa di posizione del sindacato dei giornalisti nei confronti di un comunicato della Lega che, ad urne aperte, sollecitava la necessità di affrontare il tema della concentrazione di testate nelle mani di un solo gruppo editoriale in Trentino Alto Adige riguardava i tempi e i modi, ma non la sostanza. E’, infatti, sotto gli occhi di tutti, ed il Sindacato dei giornalisti lo ha sottolineato più volte, che in Trentino Alto Adige esiste un problema di concentrazione editoriale che riguarda l’editore Michl Ebner, proprietario della quasi totalità dei quotidiani, compreso quello di lingua tedesca, di una radio e di un sito web.

Il problema va affrontato con serietà e determinazione nelle sedi competenti perché sono in gioco il pluralismo dell’informazione, i delicati equilibri tra le comunità etniche e linguistiche del Trentino Alto Adige ed i livelli occupazionali.

A nessun editore, a livello nazionale come a livello locale, può essere consentito di assumere posizioni dominanti sul mercato. Il rischio è che qualcuno, in un evidente delirio di onnipotenza, si illuda di poter comandare anche in Rai.